Enrico Scarzella

Bartender, Mixologist

Mixology è l’evoluzione del barista che conosce i classici e i prodotti e li rivisita in chiave moderna usando le tecniche che ha a disposizione. Bisogna partire sempre dai classici

Enrico Scarzella è uno dei più importanti Mixologist del panorama italiano e internazionale. Riconosciuto come uno dei 10 migliori barman e bartender italiani, i bar da lui gestiti sono più volte entrati nelle top ten di Gambero Rosso e Bargiornale. La sua esperienza nel settore lo ha portato ad essere richiesto per eventi privati prestigiosi, del calibro dell’entourage del principe di Dubai, o come formatore e consulente per locali di nuova apertura o supporto per locali già avviati.

3.547

Follower

Biografia

Una grande passione per i bar

Enrico Scarzella, classe 86, nato nel rodigino, parte alla scoperta del settore della ristorazione con la scuola alberghiera di Ferrara. Appena diplomato parte per la sua prima stagione in Sardegna come cameriere di sala in un 5 stelle. Qui a piccoli passi si approccia alla cura del cliente, sapendo già dove voleva arrivare: finita la stagione si lancia sulla sua vera passione, il bar.

Torna nella sua terra d’origine e si applica facendo corsi di formazione e lavorando in club dove mette in atto i primi insegnamenti, dalle velocità nel comporre un singolo drink fino a produrne via via diversi in un tempo rapido e preciso. Da lì si susseguono molte altre stagioni in giro per il mondo grazie alle quali Enrico coltiva la sua passione, frequentando corsi sempre più avanzati.

Dopo la gestione di due bar premium (progetto bere bene in discoteca, vodka bar al Peter Pan di Riccione e Tiki bar alla Villa delle Rose), Enrico approda a Bologna dove apre Casa Minghetti, che dopo neanche un anno lo porta fra le rivelazioni d’Italia. Mille i corteggiamenti per portarlo in ogni angolo del mondo a gestire i bar più disparati, da New York ad Hong Kong, ma innamorato di Bologna decide di continuare il suo percorso bolongese, dove dopo due anni superlativi di Casa Minghetti decide di cambiare e mettersi al comando di un nuovo progetto, Re sole Linde le Palais. Anche in questo caso in breve tempo entra fra le 10 rivelazioni italiane.

Nello stesso periodo collabora con varie aziende ed entra a far parte dei 12 migliori barman italiani per Bargiornale, dove per un anno esce con una ricetta dedicata ad un brand. Finita questa esperienza parte con le varie consulenze private, eventi di vario calibro. Successivamente arriva la proposta di avviare un’altro Bar: il “Bizarre Cocktail Boutique”. Ed è proprio qui che Enrico inizia a far conoscere la sua espressione di Mixology al grande pubblico. Una vera e propria cocktail boutique per un massimo di 12 persone alla volta, entrato in soli sei mesi fra i 10 migliori cocktail bar d’Italia per Gambero Rosso.

Svariate sono le collaborazioni:

Fabbri 1905, Compagnia dei Caraibi, Montenegro gruppo (Guest e masterclass in giro per Italia), Antonelli (azienda marchigiana ), San Pellegrino (Guest con chef stellati e masterclass), Mielizia (Guest e masterclass), Cortese, Strega Alberti.